FAQ

Domande e risposte

Come funziona il progetto case a 1 euro?

Il Comune di Fabbriche di Vergemoli ha il compito di fare da “tramite” tra l’acquirente e il proprietario dell’immobile. Il Comune si impegna di promuovere il progetto, di tenere la comunicazione, di fornire tutte le informazioni e la documentazione necessaria tramite la pagina web presente sul sito del Comune. Le case a 1 euro essendo dislocate su tutto il territorio comunale e data la grande richiesta da parte degli interessati di visitare gli immobili, abbiamo creato il servizio “Visita le case a 1 euro”. Chiunque mostri interesse ha la possibilità di usufruire del servizio pagando la modica cifra di 100,00 euro.

 

Come posso fare per prendere appuntamento? O per risolvere qualche veloce dubbio?

Può scriversi all’email: case1euro.fdv@gmail.com . Ci comunichi giorno, orario e le case che desidera visitare, purtroppo non è possibile visitarle tutte per via della loro disposizione nel territorio e dell’enorme quantitativo di tempo che richiederebbe, quindi chiediamo di mantenere la scelta ad un massimo di 2 case. Vi prego di tenere presente che c’è una grande domanda e che quindi la risposta all’email potrebbe ritardare di molti giorni.

 

Costano veramente 1 euro?

Si, il costo dell’immobile è di 1 euro. Sono comunque presenti i costi legati alle spese notarili, di registrazione contratti, accatastamento e passaggio di proprietà.

 

E’ presente un modello di un contratto di acquisto di una casa a 1 euro?

No, solitamente viene fatto un pre-contratto per tutelare la posizione dell’interessato prima dell’acquisto. Dopo le necessarie pratiche burocratiche (successioni, volture etc,) viene chiuso il contratto vero e proprio.

 

Gli immobili sono muniti di servizi quali acqua, luce, gas, ecc.?

Abbiamo a disposizione immobili con tali servizi e immobili a cui mancano allacci ai gestori di luce e acqua.

 

E’ necessario cambiare residenza se interessati all’acquisto?

Non è necessario cambiare residenza.

 

Ci sono limiti di tempo per l’implementazione dell’investimento?

No, solo la messa in sicurezza dell’immobile deve essere fatta appena possibile.

 

Ci sarà bisogno di un permesso per la costruzione e la ristrutturazione, qual è il costo del permesso?

Si, se passate da un piano di Recupero (PdiR, nell’Art.34 del regolamento urbanistico) vi sono costi e tempi più lunghi per l’approvazione del progetto (circa 12-18 mesi). Il costo varia dal tipo di lavoro che deve essere eseguito.

 

Quali lavori di ristrutturazione si possono fare?

E’ opportuno rivolgersi ad un geometra/architetto. Il riferimento è il Regolamento Urbanistico (Art. 18 /21/34) e la Legge Regionale 65/2014 (Titolo VI, articoli 131 e successivi).

 

Quali tasse devo pagare dopo aver firmato il contratto?

Generalmente non ci sono depositi o assicurazioni, ma sono presenti le varie tasse di registrazione contratto e cambio di proprietà oltre al costo del notaio.

 

Posso contare su eventuali agevolazioni fiscali?

Si. Il Comune di Fabbriche di Vergemoli dispone di uno sportello per la ricezione dei bandi Regionali ed Europei con finanziamenti per la riqualificazione di immobili destinati poi ad attività turistiche, agricole, ecc.

 

È possibile ingrandire porte e finestre senza permesso?

Per gli immobili che si trovano all’interno del Parco delle Alpi Apuane ci sono dei vincoli urbanistici specifici che non permettono determinati tipi di modifiche. Per gli edifici al di fuori dell’area parco vi sono maggiori concessioni.  (Legge regionale 65/2014 e regolamento urbanistico) Per questo sarebbe opportuno chiedere ad un professionista del settore.

Case a 1 Euro

PROGETTO CASE 1 EURO

Progetto attualmente sospeso

Il progetto case a 1 euro  è nato con l’intento di affrontare il fenomeno dello spopolamento che si è diffuso in aree isolate come quelle del Comune di fabbriche di Vergemoli.

Dagli anni ’50 del secolo scorso, molti territori hanno sperimentato e stanno sperimentando un processo di diminuzione della popolazione. In queste aree, infatti, ad un saldo negativo tra nascite e morti, si è affiancato e si affianca un saldo migratorio negativo. In territori marginali del paese il fenomeno dell’emigrazione, iniziato negli anni dell’industrializzazione, non si è mai concluso.

Nello stesso periodo, la diminuzione costante del numero delle nascite e l’aumento della speranza di vita hanno anche alterato la struttura per età e determinato un importante processo di invecchiamento. Questo fenomeno, oltre a far diminuire il numero della popolazione giovanile, ha anche innescato un processo di abbandono degli immobili.

Per questo motivo molti Comuni italiani si sono ritrovati ad affrontare il problema dei “paesi fantasma” composti da strutture ormai fatiscenti e pericolose.

Per tutto questo, la gestione del patrimonio immobiliare abbandonato, sia privato che pubblico, non deve essere considerato un peso di cui liberarsi, ma una risorsa per lo sviluppo culturale, agricolo e turistico.

Gli interventi di valorizzazione devono privilegiare la permanenza degli edifici esistenti, con l’obbiettivo di minimizzare interventi trasformativi al fine di preservare l’identità storico  culturale del nostro territorio.

Non abbiamo necessità di nuove costruzioni e di nuove cementificazioni, la strategia per migliorare il contesto abitativo e riappropriarci della nostra identità culturale è rianimare i piccoli centri abbandonati o riqualificare beni in stato di abbandono, con una storia che è la nostra storia.

Questo progetto ha lo scopo di far conoscere il territorio e le sue ricchezze e nutre interesse per riportare alla luce i paesi abbandonati.

 

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

E’ indetta una Selezione Pubblica relativa alla gestione dell’Emporio Polifunzionale, centro accoglienza visitatori del Parco, centro divulgazione prodotti tipici e punto Internet a servizio dei cittadini e delle attività commerciali sito nel Capoluogo Via Molino Vecchio.

Le Ditte interessate dovranno inviare la propria offerta entro le ore 12,00 del giorno 05.07.2018 nelle modalità indicate nell’avviso di selezione pubblica qui di seguito.

scansione_20180529_082644

capitolato di gara polifunzionale

 

Bando di concorso pubblico, per soli esami, per la copertura di n. 1 posto di “esecutore tecnico”, a tempo indeterminato e parziale al 50%, categoria giuridica B1 area “servizi tecnici e tecnico manutentivi”. Profilo professionale: “operaio specializzato”. C.C.N.L. del Comparto Regioni – Autonomie Locali.

Il bando di concorso è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, serie IV Concorsi, n. 37 del 11.05.2018, pertanto la scadenza per la presentazione delle candidature è il 10.06.2018.

Si rimanda alla pagina per ogni informazione, clikka qui

BANDO PER L’ASSEGNAZIONE DELL’INCENTIVO ECONOMICO INDIVIDUALE “PACCHETTO SCUOLA” – ANNO SCOLASTICO 2018/2019

Il presente BANDO è finalizzato a sostenere le spese necessarie per la frequenza scolastica (libri scolastici, altro materiale didattico e servizi scolastici) di studenti appartenenti a nuclei familiari in condizioni socio economiche più difficili al fine di promuoverne l’accesso ed il completamento degli studi sino al termine delle scuole secondarie di secondo grado, garantendo, nel contempo, quanto più possibile la massima omogeneità ed equità sul territorio regionale.

Il “Pacchetto scuola” può essere erogato in presenza dei seguenti requisiti:

a) requisiti economici: l’ISEE del nucleo familiare di appartenenza dello studente, o ISEE Minorenne nei casi previsti, calcolato secondo le modalità di cui alla normativa vigente, non deve superare il valore di 15.748,78 euro;

b) requisiti anagrafici: residenza nel Comune di Fabbriche di Vergemoli, età non superiore a 20 anni (da intendersi sino al compimento del 21esimo anno di età, ovvero 20 anni e 364 giorni).

I requisiti relativi all’età non si applicano agli studenti diversamente abili, con handicap riconosciuto ai sensi dell’art. 3 comma 3 della legge 5 febbraio 1992 n. 104 o con invalidità non inferiore al 66%.

La domanda d’ammissione al bando diretta al Sindaco del Comune di residenza dello/della studente/studentessa, con allegata la copia fotostatica di un documento d’identità del dichiarante deve essere presentata al Comune di residenza dello/della studente/studentessa entro il giorno venerdì 08 giugno 2018

SCARICA IL BANDO

SCARICA LA MODULISTICA

1 20 21 22 23 24 31