Referendum consultivi per la scelta del NOME e per la scelta dello STEMMA del Comune

Il giorno di domenica 14 febbraio 2106, si terranno i referendum comunali :

DOVE SI VOTA:

I seggi sono allocati come segue:

  • Seggio n. 1 a Fabbriche di Vallico, presso la sede comunale, in Loc. Campaccio. Comprende gli elettori dei paesi di Fabbriche di Vallico, Vallico Sotto, Vallico Sopra, San Luigi, Gragliana, Campolemisi, e relative case sparse;
  • Seggio n. 2 a Vergemoli, presso la sede comunale distaccata (ex sede del Comune di Vergemoli), Via del Giardino n. 21. Comprende gli elettori dei paesi di Vergemoli, Fornovolasco, Calomini e San Pellegrinetto, e relative case sparse.

ORARIO DI VOTAZIONE:

Dalle 08.00 alle 22. della sola giornata di domenica 14 febbraio.

Come per le altre elezioni occorre essere muniti di tessera elettorale e di documento di riconoscimento.

Nel caso di smarrimento della tessere può essere richiesto un duplicato durante la giornata di votazione.

Fornovolasco

L’etimologia del nome è incerta: la parola “forno” indica sicuramente l’attività fusoria, documentata fin dall’epoca Medievale, mentre la parola “Volasco”, per alcuni, è attribuita ad un certo Volasco di Brescia, che per primo avrebbe introdotto in Garfagnana l’industria dell’escavazione del ferro. Per altri il nome “Volasco” deriva da un antico ospitale detto Volaschio.

fornovolasco
{Ph: katia Fantozzi }

L’origine medievale della lavorazione del ferro è dimostrata da interessanti documenti ritrovati nell’archivio di S. Martino di Lucca che narrano come le miniere e le pratiche fusorie del ferro fossero già sviluppate nel XVI secolo, prima che fosse importata la tecnologia dei Bresciani. Sempre da alcuni documenti risulta che nel 1369 gli uomini del paese esportassero il ferro prodotto fino a Stazzema.

 

Il paese si sviluppa nel parco delle Alpi Apuane in una stretta valle, all’incrocio di due torrenti, alla base della Pania della croce. Il paesaggio è arricchito da una grande apertura circolare di un monte denominato: “Monte Forato” (o Pania Forata)

Proprio su questa montagna viene svolta “L’altalena più emozionante del mondo”! Un’esperienza unica che permette di poter “dondolare” all’interno dell’arco del monte forato, accompagnati e seguiti da guide selezionate. Il percorso dura circa 5 ore.

Le acque che dividono il paese in tre settori sono quelle del torrente Petrosciana. Poco lontano si trova la maestosa Grotta del Vento.

 

L’alluvione del 1996

Nel primo pomeriggio del 19 Giugno del 1996 sulla Garfagnana e sulla Versilia si sviluppò un improvviso e devastante diluvio che in poche ore, fece cadere un livello record di pioggia.
Fornovolasco fu tra i paesi a pagarne maggiormente le conseguenze: dalla valle scese una quantità d’acqua mista a fango e detriti che distrusse tutti i ponti del paese e portò via interamente alcune case.
Questa tragedia trovò però un’immediata reazione da parte della popolazione fino agli enti locali e regionali, e Fornovolasco un anno dopo, poté inaugurare i nuovi ponti. Anche la chiesa di San Francesco D’Assisi, invasa dall’acqua nella disastrosa alluvione, fu rinfrescata con i disegni del maestro Paolo Maiani.

“UNA CASA PER MATTEO”

ruffini2

Matteo è un bambino di 11 anni del mio Comune, una bimbo nato sano e felice fino a 8 anni, quando ha scoperto di essere effetto da una rarissima malattia genetica, la Ceroido Lipofuscinosi Neuronale Infantile, nota come Morbo di Batten”, che colpisce in Italia un bimbo ogni circa 102.000 nascite; una malattia degenerativa che attualmente non dà scampo e porta a terribili sofferenze con una lunghissima agonia.

La sua famiglia è costretta a lasciare il proprio paese e i suoi affetti per costruire una casa adatta alle necessità future di Matteo e ai tristi anni che gli saranno concessi.

Noi stiamo provando a dargli una mano

Sentiti meglio, contribuisci anche tu alla realizzazione di una casa per Matteo dando un’offerta, anche piccola, mediante bonifico sul c.c. IBAN IT 65 M 03062 34210 000001616086 intestato a Tovani Mirco.

Io ti garantisco che non me li scorderò e che rimarrò sempre a tua disposizione.

Il Sindaco

Michele

1 19 20 21 22 23 34